Storia 2017-06-21T10:42:29+00:00

Storia

DAL 1912

Erano i primi del Novecento, quando nonno Federico, carbonaio del Rione Ponte, e più precisamente del Vicolo di Montevecchio, antica sede del Monte di Pietà, vendeva carbone mentre sua moglie, la signora Domenica, in un’attigua bottega, cucinava pasti caldi ai lavoranti della zona. Sembra l’inizio di un romanzo, ma altro non è che la storia della famiglia Salomone, che nel 1912 ha aperto uno dei più antichi Ristoranti di Roma. Un Ristorante che da allora, non ha mai cambiato proprietà.

L’instancabile Domenica, rimasta vedova di Federico, si dedicò completamente alla sua piccola osteria chiamata “Il Carbonaro”, trasmettendo tutto il suo sapere alla figlia Andreina con la quale, qualche anno più tardi, nel primo dopoguerra, decise di aprire la propria trattoria sull’incantevole piazza di Campo dei Fiori, in una città pesantemente impoverita dal conflitto mondiale.

Per onorare suo padre, la intitolò “La Carbonara” che da oltre 60 anni è un’elegante trattoria nel cuore pulsante di Roma. Il locale, ancora oggi appartiene alla stessa famiglia, e, nonostante i numerosi locali nuovi aperti nel centro storico romano, molto frequentati dalla movida romana, non ha cambiato la sua anima fedele ancora oggi alla bandiera dell’autentica ristorazione romana.

Giungendo dalla affascinante Piazza Campa dè Fiori, una volta entrati nel ristorante, ci si immerge in un’atmosfera d’osteria d’altri tempi, fatta di cucina a base di piatti poveri, frattaglie e vino del contadino. L’imponente lampadario di ferro battuto collocato al centro della sala e le piccole lanterne laterali offrono un’illuminazione piacevolmente soffusa. Alle pareti, in parte rivestite di legno color noce, sono collocati numerosi quadri che portano la firma di Tre Galletti, pittore romano dei primi del novecento che con le sue tempere amava ritrarre scorci di Roma.